Il caso Braithwaite, una anomalia tutta spagnola

..Il 20 febbraio 2020, Martin Braithwaite Christensen, calciatore danese di 28 anni è stato acquistato dal Barcellona, che ha pagato al suo precedente club, il Leganés, i 18 milioni della clausola.

Potrebbe sembrare una normale notizia di calciomercato, e invece se ne discute ampiamente sui quotidiani specializzati ed anche presso gli uffici della RFEF (Real Federación Española de Fútbol) e della FIFA.

Due anomalie balzano all’occhio:

– il trasferimento avvenuto successivamente alla chiusura della sessione di mercato;

– l’impossibilità per il Leganes di far fronte alla partenza di uno dei suoi migliori giocatori.

Il trasferimento dopo la chiusura della sessione di mercato

Il trasferimento in questione è un trasferimento di giocatori tra club appartenenti alla stessa federazione, quella spagnola.

Tali trasferimenti, a norma del Regolamento FIFA sullo status e trasferimento dei giocatori, sono disciplinati da un apposito regolamento emanato da ciascuna federazione nel rispetto dei principi contenuti nel citato Regolamento FIFA ed oggetto di approvazione da parte della FIFA stessa.

La validità o meno del trasferimento in questione andrà dunque valutata sulla base della normativa federale spagnola.

Sgombriamo subito il campo da ogni dubbio: il trasferimento in questione, anche se anomalo perché avvenuto a mercato chiuso, è perfettamente in linea con i regolamenti federali spagnoli, che, come detto, sono per loro natura approvati dalla FIFA. Vediamo perché.

L’art. 124.3 del Reglamento General della Real Federación Española de Fútbol prevede espressamente, in via eccezionale, la possibilità del rilascio, a favore dei singoli club, di una licenza autorizzativa al tesseramento di un nuovo calciatore, al di fuori delle finestre di mercato, nel caso in cui un calciatore tesserato per tale club sia costretto ad un periodo di inattività superiore a cinque mesi, a seguito di infortunio o malattia debitamente certificata, verificatasi successivamente alla chiusura della finestra di mercato.

Tale regola, per le ragioni di cui sopra, trova applicazione poi a condizione che il tesseramento del calciatore sostitutivo non richieda il rilascio del certificato di trasferimento internazionale (International Transfer Certificate). Non è possibile dunque tesserare calciatori già tesserati per club di altre federazioni.

Si tratta di una previsione unica nel suo caso, e come tale, sta creando non poche discussioni.

Nel caso di specie, pochi giorni dopo la chiusura del mercato, Ousmane Dembélé, attaccante francese del Barcellona, ha subito un grave infortunio che lo ha costretto ad operarsi e che è stato certificato impedire la ripresa dell’attività sportiva prima dei 5 mesi, così come richiesto dalla normativa spagnola. Il Barcellona ha dunque fornito la necessaria documentazione alla federazione, che ha rilasciato le autorizzazioni necessarie. In forza di tale autorizzazione, ha acquistato Braithwaite dal Leganés.

Si può dunque affermare che il Barcellona ha agito nel rispetto delle regole federali.

La questione aperta

La conclusione di cui sopra, non chiude tuttavia la questione.

Il Leganés, oggi penultimo nella Liga, e coinvolto nella lotta per non retrocedere, si trova infatti improvvisamente privato di uno dei suoi migliori calciatori. E questo accade senza che il Leganés abbia la possibilità di sostituirlo. Il mercato infatti è chiuso.

Sul punto vi è una evidente lacuna nella normativa federale spagnola, che non ha pensato di tutelare la posizione del club che, come nel caso di specie, vedendo corrisposta la clausola prevista contrattualmente per liberare il proprio calciatore, non può opporsi alla cessione.

Qua risiede il vero problema.

Ci si chiede infatti se una siffatta regola possa essere considerata compatibile con le previsioni dell’art. 6 del Regolamento FIFA, che prevede espressamente che i calciatori possono essere tesserati solo durante uno dei due periodi di registrazione annuali stabiliti dalla relativa associazione, e se la stessa consenta effettivamente di preservare l’integrità e regolarità sportiva del campionato (“sporting integrity of the competition”), che è principio cardine del Regolamento FIFA.

A mio parere, proprio questo ultimo aspetto, è quello leso maggiormente nel caso in esame. Proprio su questo si sta concentrando l’attenzione della FIFA, anche nell’ottica di un eventuale intervento presso la federazione spagnola.

Nel frattempo, il Leganés informa di aver richiesto a sua volta una autorizzazione eccezionale alla federazione per poter tornare sul mercato. Al di là del fatto che non paiono sussistere le condizioni, sulla base del regolamento vigente, si rischierebbe inoltre un effetto a catena.

Calendario
Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Dic   Apr »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  
Archivio